Raccontarsi con una storia, noi gente comune.

Perché è importante raccontarsi

Anche le persone comuni hanno bisogno di raccontarsi e se ci pensi è una attività che facciamo quotidianamente.

“Quante storie avrei da raccontare” esclama Patrizia, “Mi racconterei volentieri, mi sono reiventata così tante volte” scrive Anna, “Un giorno vorrei tanto raccontare la mia storia, ma forse ci vuole troppo tempo” pensa Lucia.

Il racconto di sé, delle nostre attività giornaliere, del quotidiano, è un’azione comune e condivisa.

Quando inviamo un messaggio o registriamo  un vocale su WhatsApp, quando telefoniamo all’amica per raccontarle del capo collerico o del ragazzo che sulla metro ci ha regalato un sorriso, della prima parola detta da nostro figlio o della promozione che non arriva mai, in quel preciso momento ci stiamo raccontando attraverso una storia.

Tutti i giorni parliamo di noi, dei nostri sentimenti, di cosa abbiamo provato, delle gioie e dei dolori, e lo facciamo utilizzando diversi canali di comunicazione, come per esempio Instagram, Facebook, il cellulare e così via.

Gli eventi della vita, possono essere raccontati con uno stile narrativo adatto alla personalità del committente, usando un tono di voce studiato per l’occasione e scegliendo parole intense ed evocative.

Avrai tra le mani un dono prezioso molto apprezzato, soprattutto perché nasce dal desiderio di far star bene il ricevente creando un album di memorie condivise.

Il racconto di sé, non è un atto di egocentrismo o un elenco delle nostre innumerevoli virtù, piuttosto un momento di partecipazione con le persone che ci circondano e che amiamo, un modo per creare o rinsaldare legami a cui teniamo e che ci fanno stare bene.

Un esempio, la storia Letizia

Noi due per sempre è la storia di un amore che vuole rinascere, nonostante le amarezze e i dolori della vita.

Letizia, la committente, decide di regalare al proprio compagno, in occasione del suo compleanno, una storia che fermi nel tempo un momento molto importante della loro relazione.

Dopo aver passato un lungo periodo fatto di solitudine e silenzi, con la paura che questi diventassero la colonna sonora del loro amore, Letizia decide di imprimere nella memoria di coppia l’attimo in cui ha capito, che ci sarebbe stata ancora una speranza per la loro relazione.

Tagliavo la torta, e tu mi hai sorriso ed io dalle ceneri, dal dolore, dalla rabbia sono risorta.

Per mesi ho vissuto nel terrore di non averti più tra le mie braccia, che i silenzi sarebbero stati la nostra unica colonna sonora.

Ho vissuto la solitudine, l’abbandono, la paura di non essere più abbastanza, forse nemmeno all’altezza.

Il Sette settembre, mentre tagliava la torta, la nostra protagonista comprende che ci poteva essere ancora una possibilità per loro, grazie al meraviglioso sorriso del suo compagno, fatto di campagna, trattori e cose semplici, e che il dolore avrebbe lasciato spazio alla comprensione ed alla speranza.

Il racconto parla di un tema caro a tutti e tutte noi, l’amore che proviamo nei confronti di un’altra persona e di come questo sentimento, nel corso della nostra esistenza possa trasformarsi, migliorare o peggiorare, rinsaldarsi oppure finire del tutto.

I momenti importanti diventano un contenuto condiviso, un dono prezioso da regalare a chi ami, un’occasione per rivivere attimi salienti della vostra esistenza.

Come la uso?

Ora che ho tra le mani la mia storia, come la uso?

La storia, scritta secondo la tua sensibilità ed esigenze, diventa uno strumento per comunicare emozioni e sentimenti, magari ricordando un evento saliente, una persona che non c’è più o il raggiungimento di un traguardo importante.

Potrai utilizzarla come regalo per una occasione speciale, abbinarlo ad una bomboniera o un dono per la nascita di un bambino,  un matrimonio o una comunione, stamparla su una cartolina per il Natale  o se vuoi essere originale, trascriverla  mano su un foglio color seppia, chiusa con la ceralacca ed inviata per posta.

Qualunque sia il mezzo prescelto, la cosa importante è che il ricevente percepisca il racconto come un regalo intimo creato su misura, un modo per sentirsi più vicini.

A chi è adatta?

A tutte le persone che vogliono imprimere su “carta” o su altro supporto informatico i momenti salienti e significativi della propria vita.

Se vuoi essere raccontata in modo evocativo, intenso, con parole piene di profumi e colori, allora sei nel posto giusto.

Vai nella sezione contattami e scrivimi chi sei e cosa vorresti raccontare, al resto ci penso io.

Ti aspetto